PROGETTAZIONE DAL BASSO

PROGETTAZIONE DAL BASSO

Una strategia diversa per la concretizzazione di un nuovo sistema economico.

La Fase I rappresenta, di fatto, il momento di spinta del progetto; così, qualora venga svolta da un gruppo che coinvolga tutte quelle categorie e quelle associazioni che hanno interesse che il progetto si realizzi, l’operazione beneficerebbe di un’ampia base di consenso – condizione necessaria affinché vi sia una prospettiva

Condividere una proposta di questa portata con tutte le realtà della società civile che su questo progetto potrebbero proiettare una fonte di miglioramento della loro qualità di vita, in termini di opportunità economiche, sociali, ricreative o ambientali permetterebbe di creare una rete di associazioni, imprese e persone fisiche che segua la realizzazione del progetto in modo più efficace di quanto possa fare un gruppo di amministratori vincolati alle scadenze elettive quinquennali.

L’appoggio preliminare e continuo al progetto da parte di una fascia estesa della popolazione gioca un ruolo politico determinante, in quanto potrebbe esercitare una pressione politica verso le istituzioni affinché il progetto venga realizzato.

Così questa strategia, sottesa al progetto, prevede una ricerca di consenso nella fascia di popolazione attiva nei settori interessati, al fine di ottenere una partecipazione dal basso per lo meno nella fase di studio; il contributo delle associazioni di volontariato e sportive, delle imprese, e dei privati cittadini rappresenta la forza trainante per l’avanzamento del progetto.

Quindi l’obiettivo preliminare, laddove venga scelta una strada non istituzionale per l’avvio del progetto, è quello di arrivare ad un largo consenso ed impegno tra i cittadini intorno a questa idea di sviluppo sostenibile dell’economia della zona.